Piano di Recupero Moltrasio (Lago di Como) – Mulino

L’area oggetto di Piano di Recupero si trova in comune di Moltrasio ai margini dell’abitato di Tosnacco, in un lotto stretto fra il torrente Pizzallo, una parete rocciosa e l’antico tracciato, oggi carrabile, per la frazione di Casarico. Il PGT di Moltrasio prevede il recupero degli antichi edifici esistenti in stato di semiabbandono e, insensibile al consumo di suolo, la possibilità di edificare anche 450 mc ad uso abitativo. Il volume edilizio già esistente è composto dall’edificio principale (ex filatoio) tangente all’edificio più piccolo (ex mulino) posto lungo il torrente. Un corpo edilizio uso magazzino occlude parte dello spazio di risulta fra i due assi principali. La proposta progettuale ha armonizzato le trasformazioni conseguenti alle mutate esigenze insediative (impianti, posti auto, contenimenti consumi energetici) con i caratteri peculiari di un’architettura spontanea. L’accurata ricerca storico – archivistica preliminare al progetto ha infatti permesso di comprendere la complessa genesi tipologica dei fabbricati e quindi motivare scelte progettuali che tengano presente l’evoluzione storica (senza la pretesa di rappresentarne un determinato momento) integrando le esigenze dell’abitare contemporaneo in modo coerente con i precedenti interventi che si sono stratificati nei secoli e non invasivo rispetto ai valori paesaggistici che tutelano l’area d’intervento. La progettazione del nuovo edificio (di volumetria inferiore al massimo consentito) ha dovuto contemperare i limiti geometrici molto ristretti del lotto con le problematiche legate alla salubrità degli ambienti. Per adattare maggiormente l’edificio di nuova realizzazione al naturale andamento del terreno, le linee dei prospetti verso lago seguono l’andamento dei terrazzamenti originari creando così dei fronti discontinui non rettilinei e i volumi tra il piano giorno ed il piano notte sono sfalsati in modo da non emergere in modo significativo dal naturale profilo terrazzato.

(anni 2006 e 2013-2015)

Incarico svolto in collaborazione con l’Arch. Fiorenzo Vullo

 

Attività svolte

  • Rilievo
  • Progetto
  • Pratiche autorizzative